LA NOTTE DEI SERPENTI

Anno: 1969
Aka:
La noche de los serpientes (Spain) | Nest of Vipers (U.S.A.) | Un tueur nomme Luke (France)
Regia:
Giulio Petroni
Cast:
Luke Askew, Luigi Pistilli, Magda Konopka, William Bogart, Chelo Alonso, Luciano Casamonica, Franco Balducci.
Durata: 103 min. eston.
Musiche: Riz Ortolani

Don Venustiano, sindaco di un villaggio messicano; l'albergatore Ignacio; la prostituta Dolores e Jesus Maria, sagrestano, si sono associati per carpire al piccolo orfano Manuel, di cui sono i più stretti parenti, i diecimila dollari che il padre gli ha lasciato in eredità. Il tenente Hernandez, capo della polizia locale, è riuscito però, a scoprire il loro piano - che è quello di uccidere il bambino - e ha preteso e ottenuto, minacciandoli di morte, di avere la sua parte nell'affare. Tacendogli l'entità della posta in gioco e l'età della vittima, Hernandez convince il bandito Pancaldo a cedergli, in cambio di cinquecento pesos, un sicario che una volta eseguito l'incarico dovrà essere impiccato, per non destare sospetti. Il designato è un gringo, Luke, ridottosi da famoso pistolero ad abietto ubriacone, per aver ucciso il proprio figlio durante una stupida sfida. Giunto al villaggio, Luke, che tutti respingono, viene ospitato proprio da Manuel, che vive con una donna, Maria, che ha avuto sempre cura di lui. A poco a poco Luke si affeziona a Manuel e, quando scopre che è lui la persona da uccidere, non solo si rifiuta di commettere il delitto, ma si assume la protezione del bambino. Morto don Venustiano - impiccato dallo stesso Hernandez - assassinata Dolores ad opera del sagrestano, preda di un raptus erotico e a sua volta ucciso dai poliziotti di Hernandez, Luke riesce a salvare Manuel dalle mani di Ignacio e affronta infine il tenente, uccidendolo.




Come sempre Giulio Petroni quando tratta i film western in maniera seria, è una vera garanzia per lo spettatore. Questa più che un buon western è proprio un bel film. La storia con piccole tinte di giallo, cattura da subito qualsiasi spettatore e ti trascina con scrupoloso interesse quasi fino alla conclusione. Le sue inquadrature lugubri e decadenti, che in alcuni punti cambiano in atmosfere quasi gotiche, in puro stile horror, rendono questa pellicola ancora più affascinante. Scene condite anche da estrema violenza, bravi attori, anche se Luke Askew in alcuni punti è un pò spaesato, Luigi Pistilli a sua volta, qui è in una delle sue interpretazioni più memorabili. In pratica, questo è un Western davvero molto bello. Ottima regia, buon montaggio, bravi attori, bella storia, il tutto accompagnato dalle buone musiche di Riz Ortolani.

 

LINK FILM COMPLETO:

NON DISPONIBILE

 


 

Un sito ideato e creato da AL P.Mangini.
Le immagini (foto, locandine, ecc) presenti in questo sito appartengono ai legittimi proprietari (case di produzione, registi, autori ecc) che ne detengono i diritti di copyright
i testi e i loghi uniti al progetto grafico sono esclusivo di www.spaghettiwesterndatabase.net -
Gli articoli sono di SPAGHETTI WESTERN DATABASE STAFF.

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196
Il sito non utilizza cookie di profilazione ma solo cookie tecnici ai fini del corretto funzionamento delle pagine di questo sito.
Se accedi a un qualunque elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Vuoi saperne di più.
comments powered by Disqus