UNO STRANIERO A SACRAMENTO

Anno: 1965
Aka:
Un extranjero en Sacramento (Spain) | A Stranger in Sacramento (U.S.A.) | Kopfgeld für Ringo (Germany) | Je te tuerai! (France)
Regia:
Sergio Bergonzelli
Cast:
Mickey Hargitay, Aldo Berti, Barbara Frey, Gabriella Giorgelli, Luciano Benetti.
Durata: 92 min.
Musiche: Felice Di Stefano

A Mike Jordan un'abile pistolero, dei fuorilegge uccidono il padre e il fratello, assalendo la loro fattoria e rubandogli la mandria di bestiame. Lui viene incolpato ingiustamente degli omicidi, evade per provare la sua innocenza e si mette sulle tracce dei banditi, regolando i conti.




Film insolitamente per il genere western tratto dal romanzo di Jim Murphy: "Ti ucciderò" e riadattato da Sergio Bergonzelli e Adalberto Albertini. Complessivamente è un film abbastanza gradevole nella storia e spettacolare per le scene d'azione. Forse la pellicola è ancora influenzata dallo stile dei western americani che da quello dei western del dopo Leone. Comunque la pellicola si lascia vedere anche grazie a una storia alquanto movimentata. Aldo Berti nella sua prova di attore risulta essere più interessante del protagonista Mickey Hargitay, forse più famoso per essere stato il marito di Jayne Mansfield che non per il suo lavoro di attore, anche lui come Berti qui al suo primo western italiano. Western complessivamente abbastanza buono ma niente di davvero esaltante.

 

LINK FILM COMPLETO:

NON DISPONIBILE

 


 

Un sito ideato e creato da AL P.Mangini.
Le immagini (foto, locandine, ecc) presenti in questo sito appartengono ai legittimi proprietari (case di produzione, registi, autori ecc) che ne detengono i diritti di copyright
i testi e i loghi uniti al progetto grafico sono esclusivo di www.spaghettiwesterndatabase.net -
Gli articoli sono di SPAGHETTI WESTERN DATABASE STAFF.

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196
Il sito non utilizza cookie di profilazione ma solo cookie tecnici ai fini del corretto funzionamento delle pagine di questo sito.
Se accedi a un qualunque elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Vuoi saperne di più.
comments powered by Disqus