I GIORNI DELL' IRA

Anno: 1967
Aka:
El dia de la ira (Spain) | Day of Anger (U.S.A.) | Der Tod ritt Dienstags (Germany) | Le dernier jour de la colere (France)
Regia:
Tonino Valerii
Cast:
Giuliano Gemma, Lee Van Cleef, Walter Rilla, Andrea Bosic, Pepe Calvo.
Durata:
108 min. eston.
Musiche: Riz Ortolani

In Arizona, Scott un giovane che vuol dimostrare quello che vale, decide di arruolarsi in una banda, superando ben presto anche il suo capo in maestria e spietatezza. Ma quando vede uccidere lo sceriffo sotto i suoi occhi, per il quale nutriva anche un profondo affetto, Scott decide di passare alla legge e fare giustizia vendicando l'amico.



Tonino Valerri confeziona uno dei capolavori della cinematografia western e non solo. Film psicologico pieno zeppo di violenza. Anche se la storia è basato sul classico incontro/scontro dell'allievo e dal maestro, la storia non risulta essere mai scontata o noiosa. Ernesto Gastaldi qui sceneggiatore con un soggetto forse anche banale scrive una storia accattivante con sequenze memorabili dirette da Valerii. Un grande Lee Van Cleef e Giuliano Gemma sempre in forma rendono il film ricco di scene visive da vera antologia. Buone musiche, grandi attori e altrettanto ottenta regia fanno di questo spaghetti western un'opera immancabile per ogni estimatore del genere. Bellissimo.

 

LINK FILM COMPLETO:

NON DISPONIBILE

 


 

Un sito ideato e creato da AL P.Mangini.
Le immagini (foto, locandine, ecc) presenti in questo sito appartengono ai legittimi proprietari (case di produzione, registi, autori ecc) che ne detengono i diritti di copyright
i testi e i loghi uniti al progetto grafico sono esclusivo di www.spaghettiwesterndatabase.net -
Gli articoli sono di SPAGHETTI WESTERN DATABASE STAFF.

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196
Il sito non utilizza cookie di profilazione ma solo cookie tecnici ai fini del corretto funzionamento delle pagine di questo sito.
Se accedi a un qualunque elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Vuoi saperne di più.
comments powered by Disqus