VALDEZ IL MEZZOSANGUE

Anno: 1973
Aka:
Caballos salvajes (Spain) | Chino (U.S.A.) | Wilde Pferde (Germany) | Chino (France)
Regia:
Duilio Coletti
Cast:
Charles Bronson, Marcel Bozzuffi, Ettore Manni, Vincent Van Patten, Jill Ireland.
Durata:
94 min. eston.
Musiche: Guido & Maurizio De Angelis

Chino Valdez è un meticcio allevatore di bestiame, respinto dai bianchi in quanto per metà indiano, sta sempre solo nel suo ranch. Un giorno arriva il giovane Jimmy, che rimane al ranch di Valdez, il giovane pian piano risveglia il lato umano di Valdez a cui si lega come un padre. Valdez inizierà a cambiare fino ad innamorarsi e decidere di sposare una giovane donna, purtroppo il fratellastro di quest'ultima ricco proprietario terriero ostacolerà l'amore dei due e braccherà Valdez.



Ultimo film diretto da Coletti, girato abbastanza bene, è incentrato molto sulla psicologia emotiva dei personaggi, cosa molto rara nei spaghetti western, il film inizialmente annoia, ma la storia poi si riprende. Liberamente ispirato al romanzo di Lee Hoffman "I cavalli di Valdez" è un film abbastanza gradevole, con ottime musiche dei De Angelis. Ma come dicevo è una storia più incentrata sul dramma e la solitudine che sulle storie tipiche dello stile western italiano. Bel film, ma niente di esaltante per chi cerca uno spaghetti western.

 

LINK FILM COMPLETO:

NON DISPONIBILE

 


 

Un sito ideato e creato da AL P.Mangini.
Le immagini (foto, locandine, ecc) presenti in questo sito appartengono ai legittimi proprietari (case di produzione, registi, autori ecc) che ne detengono i diritti di copyright
i testi e i loghi uniti al progetto grafico sono esclusivo di www.spaghettiwesterndatabase.net -
Gli articoli sono di SPAGHETTI WESTERN DATABASE STAFF.

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196
Il sito non utilizza cookie di profilazione ma solo cookie tecnici ai fini del corretto funzionamento delle pagine di questo sito.
Se accedi a un qualunque elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Vuoi saperne di più.
comments powered by Disqus