L' UOMO VENUTO PER UCCIDERE

Anno: 1967
Aka:
Un hombre vino a matar (Spain) | Rattler Kid (U.S.A.) | Django - Unersättlich wie der Satan (Germany) | L'homme qui venait pour tuer (France)
Regia:
Leon Klimovsky
Cast:
Richard Wyler, William Bogart, Bred Harris, Femy Benussi, Conny Caracciolo.
Durata:
83 min. eston.
Musiche: Angelo Francesco Lavagnino

Un soldato viene accusato di una rapina e omicidio, scappa via braccato da uno sceriffo, decide di passare al contrattacco. Invece di continuare a farsi inseguire, passa alle maniere forti e si organizza per uccidere l'uomo di legge. Ma sul cammino incontra il suo vecchio maestro, che riesce a convincerlo ad abbandonare il crimine. Il bandito va incontro allo sceriffo, non per ammazzarlo ma per aiutarlo in una difficile impresa.



Filmetto leggero e inconcludente, uno spaghetti western banale e poco appassionante. La storia di un uomo che cerca di ottenere la sua 'vita' indietro. Il personaggio principale è un vero buono a nulla. Il film non ha praticamente nulla da offrire se non 80 minuti di pellicola con una trama banale e 4/5 minuti di scene d'azione. Musiche carine di Francesco De Masi, molto bravo come al solito tra gli attori William Bogart, mentre l'attore Richard Wyler nel ruolo del protagonista risulta una di quelle facce da fesso come poche se ne ricordano nei western italiani. Pessimo.

 

LINK FILM COMPLETO:

NON DISPONIBILE

 


 

Un sito ideato e creato da AL P.Mangini.
Le immagini (foto, locandine, ecc) presenti in questo sito appartengono ai legittimi proprietari (case di produzione, registi, autori ecc) che ne detengono i diritti di copyright
i testi e i loghi uniti al progetto grafico sono esclusivo di www.spaghettiwesterndatabase.net -
Gli articoli sono di SPAGHETTI WESTERN DATABASE STAFF.

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196
Il sito non utilizza cookie di profilazione ma solo cookie tecnici ai fini del corretto funzionamento delle pagine di questo sito.
Se accedi a un qualunque elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Vuoi saperne di più.
comments powered by Disqus