HOME | WESTERN ITALIANI | BARZELLETTA WEST | ATTORI | ALTRI ATTORI | REGISTI | CURIOSITA' | FUMETTI|

| 1/10 | A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | Y |

|1963 | 1964 | 1965 | 1966 | 1967 | 1968 | 1969 | 1970 | 1971 | 1972 | 1973 | 1974/OGGI |

 


TERENCE HILL
(MARIO GIROTTI - 1939)

Nato da madre tedesca a Venezia il 29 marzo 1939 (è il secondo di tre fratelli), il suo vero nome è Mario Girotti. Trascorre l'infanzia in Sassonia, a Lommatzsch il paesino della madre, dove sopravvive ai tremendi bombardamenti della II Guerra Mondiale. I suoi esordi nel mondo dello spettacolo avvengono per puro caso. Ancora giovanissimo, durante un incontro di nuoto (che Terence praticava con continuità), viene notato dal regista Dino Risi, che lo scrittura per una parte del film "Vacanze col gangster". Siamo nel 1951 e l'attore si presenta ancora con il suo nome italiano.
Preso da un vortice di partecipazioni e richieste sempre più ampie, dopo tre anni di lettere classiche all'Università di Roma, decide di dedicarsi completamente al grande schermo. Scelta difficile ma che si rivela ben presto vincente. Poco dopo, infatti, Luchino Visconti, ossia una dei massimi registi italiani, lo vuole nel film "Il Gattopardo", in breve divenuto un "cult" assoluto della cinematografia.
Dopo questo primo esordio in una produzione importante e così blasonata, riesce ad avviare una carriera vera e propria, lontana dalle incertezze semidilettantesche e che si rivelerà assai continuativa e senza soste. Nel 1967, mentre gira "Dio perdona... io no!", s'innamora e poi sposa una ragazza americana di origine tedesca, Lori Zwicklbauer. Al lancio del film la produzione gli propone una lista di 20 nomi, doveva sceglierne uno, e così anche perchè e facile nella pronuncia dall'iinglese/all'italiano opta per Terence Hill. Lui non avrebbe mai pensato che il tale successo di "Dio perdona...io no!" non gli avrebbe mai più fatto togliere di dosso quello pseudonimo. Nel 1970 sbancà i box-office di mezzo mondo con gli indimenticabili "Lo chiamavano Trinità..." (del 1970), e il suo seguito "...Continuavano a chiamarlo Trinità", in coppia con il sodale Bud Spencer. Seguiranno film altrettanto fortunati dove la comicità si sostituisce alla violenza ed i cattivi, in genere eccezionali e "macchiettistici" stuntman, hanno sempre la peggio. Sono titoli ormai celeberrimi come "...Altrimenti ci arrabbiamo!" o "Io sto con gli ippopotami", sempre con il fido Bud. Da ricordare che nel 1976 venne chiamato a Hollywood, dove apparve in "La bandera - Marcia o muori" con Gene Hackman e dove recitò in "Mister Miliardo" con Valerie Perrine. Dopo un lungo periodo di profonda depressione causata dalla perdita del figlio diciassettenne Ross Hill che ha recitato al fianco del padre nel film "Renegade-un osso troppo duro", di recente l'attore si è rilanciato nei panni di un sacerdote investigatore, nella serie Rai intitolata "Don Matteo": per questa parte ha ricevuto il premio "Outstanding actor of the year" al 42° Festival Internazionale della Televisione di Montecarlo. Mentre il 7 maggio 2010 insieme a Bud Spencer ha ricevuto il David di Donatello alla carriera. Ma il suo nome rimarrà indissolubilmente legato a uno dei personaggi eletti tra i più noti del mondo: Trinità.

 

Un sito ideato e creato da AL P.Mangini.
Le immagini (foto, locandine, ecc) presenti in questo sito appartengono ai legittimi proprietari (case di produzione, registi, autori ecc) che ne detengono i diritti di copyright i testi e i loghi uniti al progetto grafico sono esclusivo copyright di www.spaghettiwesterndatabase.net -
Gli articoli sono di SPAGHETTI WESTERN DATABASE STAFF. Tutti i diritti sono riservati.

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196
Il sito non utilizza cookie di profilazione ma solo cookie tecnici ai fini del corretto funzionamento delle pagine di questo sito.
Se accedi a un qualunque elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Vuoi saperne di più.
comments powered by Disqus