LA COLLINA DEGLI STIVALI

Anno: 1969
Aka:
La colina de las botas (Spain) | Boot Hill (U.S.A.) | Hügel der Stiefel (Germany) | La colline des botter (France)
Regia:
Giuseppe Colizzi
Cast:
Terence Hill, Bud Spencer, Lionel Stander, Woody Strode, George Eastman, Wayde Preston, Edward Ciannelli.
Durata:
95 min. eston.
Musiche: Carlo Rustichelli

Un pistolero ferito viene aiutato e curato da alcuni artisti di un circo, da alcuni uomini che vogliono impossessarsi della sua concessione di una miniera d'oro. La banda si vendicherà assassinando uno dei componenti del circo. Questi ultimi uniti con il pistolero ed altri 2 suoi amici allestiranno uno spettacolo per attirare la banda dei fuorilegge e vendicarsi.



Colizzi riporta sullo schermo la coppia Bud-Hill per la 3° volta, qui calca molto di più la mano sulla commedia, tirando fuori già una vena simpatica di Bud che poi riprenderà alla grande Barboni con i Trinità. Questo western anche se ben girato e con un'ottimo cast di attori, resta forse tra quelli più leggeri e meno incisivi di Colizzi. La storia a tratti rallenta e non cattura mai del tutto, non vi sono grandi scene d'azione ne sparatorie o duelli memorabili, anche il titolo del film Colizzi lo prende da un'idea di Sergio Leone che così voleva intitolare il suo capolavoro "Il buono, il brutto, il cattivo".

 

LINK FILM COMPLETO:

NON DISPONIBILE

 


 

Un sito ideato e creato da AL P.Mangini.
Le immagini (foto, locandine, ecc) presenti in questo sito appartengono ai legittimi proprietari (case di produzione, registi, autori ecc) che ne detengono i diritti di copyright
i testi e i loghi uniti al progetto grafico sono esclusivo di www.spaghettiwesterndatabase.net -
Gli articoli sono di SPAGHETTI WESTERN DATABASE STAFF.

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196
Il sito non utilizza cookie di profilazione ma solo cookie tecnici ai fini del corretto funzionamento delle pagine di questo sito.
Se accedi a un qualunque elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Vuoi saperne di più.
comments powered by Disqus