UOMO AVVISATO MEZZO AMMAZZATO... PAROLA DI SPIRITO SANTO

Anno: 1971
Aka:
El Halcón de Sierra Madre (Spain) | They Call Him Holy Ghost (U.S.A.) | Ein Halleluja für Spirito Santo (Germany) | On l'appelle Spirito Santo (France)
Regia:
Giuliano Carnimeo
Cast:
Gianni Garko, Sal Baccaro, Nello Pazzafini, Chris Huerta, Rick Boyd, Pilar Velasquez, Paolo Gozlino.
Durata: 90 min. eston.
Musiche: Bruno Nicolai

Il pistolero Spirito Santo possiede la mappa di una miniera d'oro, dalla quale, però conseguenza di un colpo di pistola manca proprio l'indicazione risolutiva. Partito in cerca delle persone in grado di completare le sue informazioni, egli libera dalle mani di alcuni rivoltosi il presidente don Firmino rovesciato dal generale Ubarte, che ha preso il suo posto e sua figlia Juana. L'uomo, però, non ricorda più dove si trovi la miniera; mirando sempre al suo scopo, Spirito Santo si lascia convincere dalla figlia di don Firmino, che è un'accesa rivoluzionaria, a porsi alla testa degli uomini che vogliono rovesciare Ubarte. Avendo al proprio fianco il forzuto Carezza, un ex malvivente apparentemente convertito alla setta dei mormoni, egli comincia, dopo una regolare dichiarazione, la guerra contro Ubarte, nella quale raccoglie un successo dopo l'altro. Vista la mala parata, il generale - che ha avuto modo, nel frattempo, di sfruttare appieno la miniera di Spirito Santo - decide di filarsela, portando con sé tutto l'oro accumulato. Penetrato nel suo quartier generale, Spirito Santo manda a monte il piano di Ubarte, ma trova, nei sacchi che avrebbero dovuto contenere l'oro, soltanto piombo. Sapendo a chi attribuire l'inganno, affronta l'infedele braccio destro di Ubarte, ammazza sia lui che i suoi fratelli e, mentre Juana e il padre festeggiano la vittoria della loro causa, s'allontana con l'oro, dopo avere evitato che a impadronirsene fosse l'infido Carezza.



Giuliano Carnimeo dopo aver diretto quasi tutta la serie del "Sartana" di Garko. Gira nello stesso anno sempre con Gianni Garko, sia il western "...lo chiamavano Camposanto" che questa pellicola. Carnimeo, si dimostra ancora una volta un regista tra i più creativi nel proporre personaggi interessanti e molto ben strutturati. Forse Spirito Santo è il personaggio più riuscito da Carnimeo in quanto a originalità. Ottime sia l'idea del pistolero vestito di bianco, che quella della colomba bianca (simbolo dello spirito santo, da sempre il suo arrivo indica la pace, qui è invece preludio di morte). In questa pellicola si denota sicuramente l'influenza dei western alla "Trinità", ma non si deve pensare che questo sia un western comico, anzi. Gianni garko è a dir poco sublime nel suo ruolo, magnetico, simpatico ma anche crudele tutto al punto giusto. Alcune sequenze d'azione sono proprio da antologia (come quello del massacro del plotone d'esecuzione a opera di Spirito Santo). Come vi dicevo il film prende spunto dai western/comici alla Barboni, ma mentre li con una certa naturalezza i protagonisti facevano delle scazzottate, qui con la stessa naturalezza il protagonista fa vere e proprie stragi. Forse questa è l'unica nota negativa di questa pellicola. Insieme a Chris Huerta che vuol imitare un pò troppo Bud Spencer e finisce per divenire poco credibile e anche scontato. Comunque questo non va assolutamente confusa con le commedie western che già iniziavano a spopolare in quegli anni. In conclusione resta un bel film, mai noioso e ben fatto.

 

LINK FILM COMPLETO:

NON DISPONIBILE

 


 

Un sito ideato e creato da AL P.Mangini.
Le immagini (foto, locandine, ecc) presenti in questo sito appartengono ai legittimi proprietari (case di produzione, registi, autori ecc) che ne detengono i diritti di copyright
i testi e i loghi uniti al progetto grafico sono esclusivo di www.spaghettiwesterndatabase.net -
Gli articoli sono di SPAGHETTI WESTERN DATABASE STAFF.

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196
Il sito non utilizza cookie di profilazione ma solo cookie tecnici ai fini del corretto funzionamento delle pagine di questo sito.
Se accedi a un qualunque elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Vuoi saperne di più.
comments powered by Disqus