SETTE MONACHE A KANSAS CITY

Anno: 1973
Aka:
Siete monjas en Kansas City (Spain) | Seven Nuns in Kansas City (U.S.A.) | Nonnen, Gold und Gin (Germany)
Regia:
Marcello Zeani
Cast:
Pedro Sanchez, Lea Gargano, Sal Baccaro, Enzo Maggio, Ugo Fangareggi, Antonio Di Leo, Irta D'Angelis, Sergio Serafini.
Durata: 86 min. eston.
Musiche: Gino Peguri

Due cowboy, Whiskey e Gin, inavvertitamente scoprono un filone d'oro cadendo in un fiume, dopo aver avuto un incidente con il loro carro. I due decidono di disegnare una mappa per ritrovare l'oro e dividersela in due pezzi. Durante il tragitto Whiskey cade dal suo mulo e viene soccorso da un certo Burt che gli sottrae la metà della mappa. Naturalmente questa scoperta provoca immensi guai e Gin e chi vorrebbe impossessarsi dell'altra metà della mappa. Sulle sue tracce oltre al sudicio Bart e i suoi complici, vengono coinvolti anche due cowboys apertamente gay. Nel frattempo tutti gli improbabili personaggi di questa commedia, si rifugiano in un convento di suore. Burt e gli altri decisi a violare il convento si dovranno ricredere sull'impresa, quando le brave sorelle capeggiate dalla Madre Superiore si dimostreranno essere violente e risolute, tirando padellate, rifiuti, brocche ma sopratutto calci e pugni.



Imbarazzante e scarso film, completo di muli parlanti, cawboy gay dalle battute coi doppi sensi fastidiosi e tante altre cretinate senza senso. Un western comico che vorrebbe divertire ma fa solo innervosire per il trionfo delle stupidate che propone. Scritto e prodotto da Lidia Puglia (una truccatrice di tanti film western) e interpratato da Lea Gargano questo western demenziale senza capo ne coda, popolato da ignoti e da figuranti (a parte Pedro Sanchez e Sal Baccaro) si riduce a una serie di gags stupide e poco divertenti. Divenuta cult del trash il Sal Baccaro vestito da suora, (d'altronde di Baccaro è divenuto cult qualsiasi suo personaggio) la trama è davvero confusionale e alcune trovate sono proprio idiote. La storia verte su una mappa disegnata da due balordi che si imbattono in un fiume ricco d'oro, la scena iniziale dei 2 nel fiume in una improponibile "febbre dell'oro" è qualcosa di inguardabile. Anche la morte di Whiskey è qualcosa di insensato, mentre sono sui loro 2 muli "parlanti" Gin sposta un ramo che finisce in faccia a Whiskey che cade dal mulo e finisce giù da un dirupo. Gin non si accorge di niente e i loro muli che parlano sempre questa volta invece stanno zitti. Ma non è la sola scena indescrivibile, anche i 2 pistoleri gay, fanno un continuo di battute a doppio senso di uno squallore unico. Per non parlare della scena dei banditi, 2 di loro durante la guardia notturna proprio ai due gay, uno di loro sbotta: "Sono mesi che non vedo una donna, andrebbero bene anche loro!" e l'altro risponde: "Non è una cattiva idea, nelle notti di tempesta ogni buco è un porto!". In sostanza il film è qualcosa di stupido oltre che brutto, non propone una sola scena divertente (a parte Sal Baccaro) o una sola situazione divertente o interessante. Sicuramente uno tra i peggiori film western italiani.

 

LINK FILM COMPLETO:

NON DISPONIBILE

 


 

Un sito ideato e creato da AL P.Mangini.
Le immagini (foto, locandine, ecc) presenti in questo sito appartengono ai legittimi proprietari (case di produzione, registi, autori ecc) che ne detengono i diritti di copyright
i testi e i loghi uniti al progetto grafico sono esclusivo di www.spaghettiwesterndatabase.net -
Gli articoli sono di SPAGHETTI WESTERN DATABASE STAFF.

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196
Il sito non utilizza cookie di profilazione ma solo cookie tecnici ai fini del corretto funzionamento delle pagine di questo sito.
Se accedi a un qualunque elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Vuoi saperne di più.
comments powered by Disqus