REQUIESCANT

Anno: 1967
Aka:
Requiem para un desalmado (Spain) | Kill And Pray (U.S.A.) | Mögen sie in Frieden ruhen (Germany) | Tue at fais ta priere (France)
Regia:
Carlo Lizzani
Cast:
Lou Castell, Mark Damon, Pier Paolo Pasolini, Ninetto Davoli, Franco Citti, Spartaco Conversi, Barbara Frey.
Durata: 102 min. eston.
Musiche: Riz Ortolani

In Messico, un bambino scampato all'eccidio della famiglia, viene allevato da un prete protestante. finchè una volta divenuto pistolero provetto è costretto a lasciare la famiglia per andare alla ricerca della sorella scappata di casa. Quest'ultima è finita in mano agli uomini di un ricco "padrone" senza scrupoli, che ha costretto la ragazza a prostituirsi. Gli uomini ben presto si rendono conto della destrezza del ragazzo con la pistola, quindi non disposti a lasciare libera la giovane donna, la uccidono e poi incolpano dell'omicidio il giovane "Requiescant". Pessimo sbaglio, quest'ultimo si scatenerà con estremo ferocia, e quando capirà che sono gli stessi uomini che massacrarono la sua famiglia da bambino deciderà di aderirà anche alla rivoluzione, distruggendo la vile "organizzazione" che spadroneggiava in quei luoghi.



Western d'autore, con un Lou Castel che nella sua più grande interpretazione da vita al "Predicatore" un pistolero che porta una cinta da monaco per cinturone, una bibbia e una colt letale, prima li uccide e poi gli da l'estrema unzione con la frase: "In pace requiescant". Lizzani da vita ad un'altro straordinario personaggio dello spaghetti western, che si va ad unire ai: Sartana, Django, Sabata e tutti gli altri. Non solo affronta alcuni punti come lo sfruttamento della classe più povera da parte dei ricchi padroni, o i sogni infranti della giovane e ingenua Princy, che piena di vita e di buoni principi troverà invece solo una tragica fine. Insomma non è un western solo pieno di azione e violenza, ma anche ricco di tematiche riflessivi, infatti non per niente nel cast vi è anche un isolito Pier Paolo Pasolini. Oltre a riproporre anche in chiave western delle situazioni storiche italiane, come l'eccidio dei lavoratori che avvenne in località Portella della Ginestra, in provincia di Palermo, il 1º maggio 1947. Un film in pratica molto interessante con un bel monologo sulla guerra di un sempre innovativo Pasolini. Questa pellicola è senza dubbio da vedere sia come western che come film. E resta senza dubbio importante anche per aver ispirato tantissimi autori del cinema internazionale con il personaggio del prete giustiziere.

 

LINK FILM COMPLETO:

NON DISPONIBILE

 


 

Un sito ideato e creato da AL P.Mangini.
Le immagini (foto, locandine, ecc) presenti in questo sito appartengono ai legittimi proprietari (case di produzione, registi, autori ecc) che ne detengono i diritti di copyright
i testi e i loghi uniti al progetto grafico sono esclusivo di www.spaghettiwesterndatabase.net -
Gli articoli sono di SPAGHETTI WESTERN DATABASE STAFF.

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196
Il sito non utilizza cookie di profilazione ma solo cookie tecnici ai fini del corretto funzionamento delle pagine di questo sito.
Se accedi a un qualunque elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Vuoi saperne di più.
comments powered by Disqus