QUINTO: NON AMMAZZARE

Anno: 1969
Aka:
El valor de un cobarde (Spain) | Quinto: Fighting Proud (U.S.A.) | Blutige Dollar (Germany) | Quinto: À ne pas tuer (France)
Regia:
Leon Klimovsky
Cast:
Steven Tedd, Sarah Ross, Alfonso Rojas, Diana Sorel, Alfonso de la Vega, Roberto Camardiel, Raf Baldassarre.
Durata: 94 min. eston.
Musiche: Piero Umiliani

Travestiti da lebbrosi, Blake e la sua banda (Albert, John, Sucre, Vincent, Navajo e Kate) rapinano mezzo milione di dollari in una banca, uccidendone tutti gli impiegati. Durante un accanito inseguimento da parte degli abitanti del paese, Vincent, viene catturato e impiccato. Successivamente i cittadini accolgono la proposta di uno sconosciuto che si impegna, in cambio di diecimila dollari, a recuperare il denaro rapinato e a sterminare i banditi. Costoro, raggiunto il loro rifugio, si accorgono che il bottino è scomparso. Per poter scoprire l'autore del furto si trasferiscono in una locanda nel deserto, ove si installano da padroni costringendo un timido giovanotto, Bill, incapace di impugnare una pistola, a far loro da servo. Sospettandosi a vicenda di aver fatto sparire i cinquecentomila dollari, i banditi incominciano ad eliminarsi a vicenda: Kate per difendersi uccide John; Albert viene assassinato da Navajo e questi, infine, abbandona la banda per andarsene con una donna. Frattanto Sucre, un ex-colonnello, gravemente ammalato di tubercolosi, e fratello di Vincent, ha convinto Bill a imparare l'uso della pistola. Giunto il momento della vendetta, l'ex colonnello, che è l'uomo che ha promesso di recuperare il denaro rubato, uccide Blake, e scopre che era lui ad aver preso il denaro. Conscio di essere prossimo alla fine, per la sua malattia, Sucre provoca Bill, costringendolo ad ucciderlo, ma non prima di avergli fatto promettere di restituire il denaro alla banca e seppellire Vincent in territorio messicano.



Leon Klimovsky di solito non si distingue per western di buona fattura, ma in questo caso a parte alcune scene poco plausibili, realizza un western abbastanza accattivante. La storia ha molti spunti gialli e altrettanti colpi di scena che tengono sempre alto l'interesse dello spettatore. Come dicevo vi sono alcuni punti poco coerenti come quelli del travestimento iniziale, dove dovrebbero sembrare dei lebbrosi ma è fin troppo evidente che conciati in quel modo (cappucci in testa) sono dei rapinatori che arrivano in città, oppure la scena quando viene impiccato in bandito catturato, da sottolineare che i componenti della banda per tutto il film tenteranno di tradirsi e uccidersi l'uno con l'altro, mentre quello che catturano si fa impiccare pur di non rivelare i nomi dei suoi complici. Fedeltà alla banda notevole, ma in questo caso molto singolare. Comunque a parte queste piccole pecche resta un film molto interessante, accompagnato anche dalle musiche coinvolgenti di Piero Umiliani. Un film con poche scene d'azione spettacolari ma con una trama ricca di colpi di scena. Western interessante e ben fatto.

 

LINK FILM COMPLETO:

NON DISPONIBILE

 


 

Un sito ideato e creato da AL P.Mangini.
Le immagini (foto, locandine, ecc) presenti in questo sito appartengono ai legittimi proprietari (case di produzione, registi, autori ecc) che ne detengono i diritti di copyright
i testi e i loghi uniti al progetto grafico sono esclusivo di www.spaghettiwesterndatabase.net -
Gli articoli sono di SPAGHETTI WESTERN DATABASE STAFF.

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196
Il sito non utilizza cookie di profilazione ma solo cookie tecnici ai fini del corretto funzionamento delle pagine di questo sito.
Se accedi a un qualunque elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Vuoi saperne di più.
comments powered by Disqus