UNA PISTOLA PER RINGO

Anno: 1965
Aka:
Una pistola para Ringo (Spain) | A Pistol for Ringo (U.S.A.) | Eine Pistole für Ringo (Germany)| Un pistolet pour Ringo (France)
Regia:
Duccio Tessari
Cast:
Giuliano Gemma, Fernando Sancho, George Martin, Lorella De Luca, Nieves Navarro.
Durata: 90 min.
Musiche: Ennio Morricone

Sancho bandito messicano e la sua banda assaltano una banca di una tranquilla cittadina. Lo sceriffo li insegue, ma la sua banda prende in ostaggio il maggiore Clyde e sua figlia Rudy, fidanzata dello sceriffo. Questi chiede l'aiuto di Ringo, pistolero simpatico ma senza scrupoli, che riesce da solo a eliminare l'intera banda



1° dei western di Duccio Tessari, grande successo del '65 fu il film che lanciò il personaggio di Ringo, con lui Giuliano Gemma e sopratutto il nomignolo "faccia d'angelo" che Gemma si portò dietro per parecchi anni. Il film è molto ben narrato e altrettanto ben girato: belle scene d'azione e bravi attori, il tutto accompagnato dalle musiche di un sempre ispirato Ennio Morricone. Originali "invenzioni" come il duello finale tra Ringo e Sancho, con la pallottola che gioca di sponda su una campana come si fa a biliardo, dove il proiettile di rimbalzo fa fuori Sancho. Un piccolo capolavoro dello spaghetti western, insieme a Django è tra i western italiani più amati ancora oggi in Giappone

 

LINK FILM COMPLETO:

NON DISPONIBILE

 


 

Un sito ideato e creato da AL P.Mangini.
Le immagini (foto, locandine, ecc) presenti in questo sito appartengono ai legittimi proprietari (case di produzione, registi, autori ecc) che ne detengono i diritti di copyright
i testi e i loghi uniti al progetto grafico sono esclusivo di www.spaghettiwesterndatabase.net -
Gli articoli sono di SPAGHETTI WESTERN DATABASE STAFF.

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196
Il sito non utilizza cookie di profilazione ma solo cookie tecnici ai fini del corretto funzionamento delle pagine di questo sito.
Se accedi a un qualunque elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Vuoi saperne di più.
comments powered by Disqus