VIVA LA MUERTE... TUA!

Anno: 1971
Aka:
Viva la muerte tuya (Spain) | Long Live Your Death (U.S.A.) | Zwei wilde Companeros (Germany) | Et viva la revolution! (France)
Regia:
Duccio Tessari
Cast:
Franco Nero, Eli Wallach, Marilù Tolo, Eduardo Fajardo, Lynn Redgrave.
Durata: 110 min. eston.
Musiche: Gianni Ferrio

Ai tempi della rivoluzione messicana, una giornalista irlandese simpatizzante della rivoluzione, corrompe uno sceriffo per far evadere "El Salvador". In realtà però "El Salvador" è morto, così lo sceriffo approfittando del fatto che la donna non conosce il rivoluzionario, fa evadere al suo posto il bandito Lozoya, con lui evade anche un truffattore pistolero detto "Lo Zar". Il motivo è mettersi alla ricerca di un tesoro nascosto, ma alla fine finiranno per essere coinvolti dalla rivoluzione e scegliere da che parte stare.



Film con una violenza a tratti poco serie, carico di azione e buone sparatorie, ma i personaggi protagonisti sembrano un tantino troppo ricalcati, Franco Nero è troppo ispirato al "Polacco" del "Mercenario" di Sergio Corbucci, mentre Eli Wallach sul personaggio di "Tuco" del "il Buono il Brutto il Cattivo" di Sergio Leone. Nel complesso a parte una Lynn Redgrave che sembra proprio fuori dal film, la pellicola non è disprezzabile, buono come film d'azione ma mediocre come spaghetti western.

 

LINK FILM COMPLETO:

NON DISPONIBILE

 


 

Un sito ideato e creato da AL P.Mangini.
Le immagini (foto, locandine, ecc) presenti in questo sito appartengono ai legittimi proprietari (case di produzione, registi, autori ecc) che ne detengono i diritti di copyright
i testi e i loghi uniti al progetto grafico sono esclusivo di www.spaghettiwesterndatabase.net -
Gli articoli sono di SPAGHETTI WESTERN DATABASE STAFF.

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196
Il sito non utilizza cookie di profilazione ma solo cookie tecnici ai fini del corretto funzionamento delle pagine di questo sito.
Se accedi a un qualunque elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Vuoi saperne di più.
comments powered by Disqus