100.000 DOLLARI PER LASSITER

Anno: 1966
Aka:
La muerte cumple condena (Spain) | Dollars for a Fast Gun (U.S.A.) | 100.000 Dollar für einen Colt (Germany) | 100.000 dollars pour Lassiter (France)
Regia:
Joaquin Romero Marchent
Cast:
Robert Hundar, Luigi Pistilli, Josè Bodalo, Pamela Tudor, Aldo Sambrell, Roberto Camardiel, Indio Gonzales.
Durata: 96 min. eston.
Musiche: Marcello Giombini

Due banditi soci in una criminosa impresa, stanno fuggendo incalzati dagli inseguitori. Il primo, di nome Frank, debilitato per le ferite viene abbandonato alla sua sorte dal compagno Martin ma prima di cadere esanime trova la forza per tirare un colpo di pistola al traditore che, nonostante sia rimasto ferito in modo piuttosto grave, riesce a dileguarsi con il bottino. Molti anni dopo, Martin, divenuto proprietario di tutto un paese domina l'intera zona per mezzo di avventurieri abilissimi nel maneggiare la pistola, ma del tradimento nei confronti di Frank conserva un pesante ricordo, essendo costretto a vivere inchiodato su una poltrona a rotelle a causa della ferita ricevuta in quella circostanza. L'arrivo di uno straniero, un certo Lassiter che fa misteri della sua provenienza, tiratore infallibile di pistola mette in difficoltà la dispotica attività di Martin, che si trova costretto ad accettare di venire a patti con il nuovo arrivato, che gli fa sapere che Frank è tuttora vivo, libero e deciso a vendicarsi. Con l'appoggio di Lassiter, che sembra piegarsi facilmente di fronte al denaro Martin riesce a catturare l'avversario, ma non può eliminarlo a motivo di una lettera di circostanziata denuncia che Frank afferma di aver affidato a persona sicura. La lettera diviene così il perno sul quale ruotano i numerosi colpi di scena e la causa di numerosi attentati e incontri a fuoco al termine dei quali solo Lassiter rimane vivo.



Scritto da Sergio Donati, questo western di Marchent è un altro titolo di quelli notevoli. Marchent come al solito è una garanzia per i suoi film western, ama come pochi registi delineare la parte umana dei suoi personaggi, anche quelli negativi, oltre a soffermarsi molto anche sulla storia e non solo sull'azione. Fondamentalmente questo film è una storia di vendetta, ma narrata e consumata in maniera molto più accattivante. Inizialmente il film sembra un po' lento ma poi acquisisce una sua dignitą è fornisce se non tante sequenze di azione un ottima trama. Il personaggio di Undari forse è un pò ispirato allo Straniero di Clint Eastwood, ma comunque questo non sminuisce lo spessore del suo personaggio. Undari circondato da un buon cast di attori regge tutta la storia alla grande, forse non è proprio il suo ruolo più indicato, ma per Marchent diciamo che era il suo attore feticcio, quindi lo impiegava quasi sempre nei suoi film. Come dicevo la trama è buona e la pellicola è ben girata, con un pizzico di giallo nella storia che di sicuro non guasta. Forse poco indovinate le musiche di Giombini un pò troppo spensierate per accompagnare belle sequenze d'azione e di suspence. Complessivamente è un western interessante. Da vedere senza dubbio.

 

LINK FILM COMPLETO:

NON DISPONIBILE

 


 

Un sito ideato e creato da AL P.Mangini.
Le immagini (foto, locandine, ecc) presenti in questo sito appartengono ai legittimi proprietari (case di produzione, registi, autori ecc) che ne detengono i diritti di copyright
i testi e i loghi uniti al progetto grafico sono esclusivo di www.spaghettiwesterndatabase.net -
Gli articoli sono di SPAGHETTI WESTERN DATABASE STAFF.

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196
Il sito non utilizza cookie di profilazione ma solo cookie tecnici ai fini del corretto funzionamento delle pagine di questo sito.
Se accedi a un qualunque elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Vuoi saperne di più.
comments powered by Disqus