JONATHAN DEGLI ORSI

Anno: 1995
Aka:
Jonathan E o Urso (Spain) | Jonathan of the bears (U.S.A.) | Die Rache des weißen Indianers (Germany)
Regia:
Enzo G.Castellari
Cast:
Franco Nero, John Saxon, Melody Robertson, Floyd Westerman, David Hess, Enio Girolami
Durata: 115 min. eston.
Musiche: Clive Riche, Aleksandr Belyayev, Fabio Costantino, Knifewing Segura

Nord America. Jonathan, divenuto orfano a 6 anni quando si vede uccidere i genitori, cercatori d'oro, da feroci banditi, fa amicizia con un cucciolo di orso bruno (che poi salverà anni dopo da alcuni cacciatori che lo avevano intrappolato) e viene adottato da Tawanka, capo degli indiano Dakota. Quando uno speculatore razzista in cerca di petrolio e i suoi sgherri cercano di cacciare via i pellerossa, Johnathan divenuto adulto scende in campo in loro aiuto. Tra numerosi scontri verrà catturato ed esposto in pasto agli avvoltoi, ma un pistolero nero, per solidarietà, gli consente di fuggire, e lui in un duello finale riesce ad eliminare il perfido Goodwin e i suoi uomini.



Inconsistente film di Castellari, da un soggetto di Franco Nero e Lorenzo De Luca e una sceneggiatura dello stesso De Luca insieme a Castellari. Franco Nero che in questo film anche se con 54 anni sulla groppa, dimostra una forma atletica davvero invidiabile. Inizialmente intitolato da Franco Nero Nikita Jones, il film ebbe poi il suo effettivo titolo dal co-autore dello script Lorenzo De Luca, esperto del cinema di genere qui al suo debutto nel cinema e già autore di C'era una volta il western italiano, 1987, primo libro in Italia dedicato al genere. Questo western avventuroso, girato in Russia, parte come un inno all'ecologia e alla non violenza. La parte iniziale infatti sembra un film della Walt Disney con la tribù buona, il bimbo bianco e l'orsetto amico, poi si trasforma nella seconda parte in un film violento, ricco di scene d'azione, dialoghi anche un pò fuopri luogo e scene alquanto confuse, come gli indiani che sfoggiano colpi di kung fu. Purtroppo la coppia Castellari/Nero in questa opera sono ben lontani dai tempi di western come Keoma. Questo è un film che in alcuni punti anche se retto da buoni attori quasi stanca, forse per la storia poco incisiva o forse per un mix di generi che ne fa un polpettone indigesto. Buona la colonna sonora, ma è una pellicola con troppe lacune sia visive che narrative.

 

LINK FILM COMPLETO:

NON DISPONIBILE

 


 

Un sito ideato e creato da AL P.Mangini.
Le immagini (foto, locandine, ecc) presenti in questo sito appartengono ai legittimi proprietari (case di produzione, registi, autori ecc) che ne detengono i diritti di copyright
i testi e i loghi uniti al progetto grafico sono esclusivo di www.spaghettiwesterndatabase.net -
Gli articoli sono di SPAGHETTI WESTERN DATABASE STAFF.

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196
Il sito non utilizza cookie di profilazione ma solo cookie tecnici ai fini del corretto funzionamento delle pagine di questo sito.
Se accedi a un qualunque elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Vuoi saperne di più.
comments powered by Disqus