IL TREDICESIMO E' SEMPRE GIUDA

Anno: 1972
Aka:
O ultimo traidor (Spain) | The Last Traitor (U.S.A.) | 13e est un traitre (France)
Regia:
Giuseppe Vari
Cast:
Donald O' Brien, Maurice Poli, Dean Stratford, Maily Doria, Fortunato Arena, Attilio Dottesio.
Durata: 84 min. eston.
Musiche: Carlo Savina

A Sonora, un piccolo villaggio confinante col Messico, un gruppo di persone si accinge a festeggiare le imminenti nozze di Ned Carter e Mary Bell: la constatazione che a tavola prenderanno posto tredici convitati induce uno dei presenti a trarre sinistri presagi, confermati poco dopo dall'arrivo di una diligenza con a bordo i cadaveri della sposa e di altri tre passeggeri. La ricerca degli autori del delitto diventa subito febbrile. Il mistero viene finalmente chiarito da due dei convitati, Tim e Joe, i quali, indagando per proprio conto, riescono ad individuare proprio nello sposo l'autore dei delitti. Ned, infatti, all'epoca della guerra di secessione, si era impadronito dell'oro dell'armata sudista, che aveva successivamente nascosto in una miniera abbandonata di proprietà del padre di Mary Bell. Dopo la guerra, fidanzatosi con Mary Bell allo scopo di recuperare più facilmente l'oro nascosto, si era visto costretto ad uccidere il padre della ragazza, il quale aveva scoperto il suo segreto. Poco prima delle nozze, Ned aveva dovuto far uccidere anche la fidanzata, la quale, sospettandolo autore della morte del padre, stava giungendo all'appuntamento nuziale accompagnata da alcuni agenti in borghese. Ned pagherà le sue colpe, soccombendo alla vendetta di uno degli invitati alle nozze, Tim, sinceramente innamorato di Mary Bell.



Giuseppe Vari dirige bene questo insolito western, infatti la storia anche se molto accattivante è più per un thriller che per uno spaghetti western. La storia non annoia, anzi, la pellicola è poi retta alla grande da pochi ma bravi attori, su tutti Donald O'Brien e Dean Stratford, forse un pò spaesato Maurice Poli, ben lontano dalla sua grande interpretazione di due anni dopo, dove darà vita al malvivente che, insieme a due complici, rapisce un bambino nel grande "Cani arrabbiati" di Mario Bava (diretto ispiratore di "Le Iene" di Q. Tarantino). Comunque questa pellicola non è per niente da disprezzare, anche se di western ha solo l'ambientazione e qualche sparatoria, resta un'accattivante pellicola, cosa che Giuseppe Vari ripete lo stesso anno con un'altra bel film western "Prega il morto e ammazza il vivo" con un super Klaus Kinski. In pratica questo sottovalutato regista dirige lo stesso anno due bei film, con pochi attori, poche location ma buone idee, belle storie e sopratutto pellicole davvero originali.

 

LINK FILM COMPLETO:

DISPONIBILE
AUDIO ITALIANO

 


 

Un sito ideato e creato da AL P.Mangini.
Le immagini (foto, locandine, ecc) presenti in questo sito appartengono ai legittimi proprietari (case di produzione, registi, autori ecc) che ne detengono i diritti di copyright
i testi e i loghi uniti al progetto grafico sono esclusivo di www.spaghettiwesterndatabase.net -
Gli articoli sono di SPAGHETTI WESTERN DATABASE STAFF.

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196
Il sito non utilizza cookie di profilazione ma solo cookie tecnici ai fini del corretto funzionamento delle pagine di questo sito.
Se accedi a un qualunque elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Vuoi saperne di più.
comments powered by Disqus