GLI FUMAVANO LE COLT... LO CHIAMAVANO CAMPOSANTO

Anno: 1971
Aka:
Y dejaron de llamarle Camposanto (Spain) | They Call Him Cemetery (U.S.A.) | Ein Halleluja für Camposanto (Germany) | Quand les colts, fument, on l'appelle Cimitiere (France)
Regia:
Giuliano Carnimeo
Cast:
Gianni Garko, William Berger, Franco Ressel, Nello Pazzafini, Jhon Fordyce.
Durata: 95 min. eston.
Musiche: Bruno Nicolai


I fratelli John e George McIntire, tornati nel loro paese del West dopo una lunga permanenza a Boston, non tardano a rendersi conto che le buone maniere apprese in città servono a poco in una zona dove vige ancora la legge del più forte. Il loro tentativo di opporsi a una banda di taglieggiatori che sfrutta i coltivatori locali si concluderebbe tragicamente se in loro aiuto non intervenisse ripetutamente Camposanto, un killer legato da un debito di riconoscenza al padre dei due giovani. Nell'intento di sbarazzarsi di Camposanto, i taglieggiatori ingaggiano il "Duca", un noto pistolero, che riesce a mettere in seria difficoltà il rivale. Ancora una volta, però, Camposanto riesce ad intervenire in tempo ad evitare che John e George vengano sopraffatti dai banditi. Sgominata la banda, Camposanto, John e George recuperano l'oro sottratto ai coltivatori e lo restituiscono ai legittimi proprietari..



Western assolutamente bellissimo per ciò che concerne la strutturazione dei personaggi, la regia di Carnimeo a tratti è un tot inconcludente. La storia sceneggiata da Enzo Barboni (il papà di Trinità e Bambino) parla di un mitico pistolero (Gianni Garko) che dopo aver perso la sua famiglia è divenuto freddo, silenzioso e letale, tanto da prendere il soprannome di Camposanto perché lì finiscono tutti quelli che lo ostacolano. Grande interpretazione di Gianni Garko che ha una certa predisposizione per i personaggi lugubri e enigmatici, bravo anche William Berger nel suo affascinante personaggio chiamato "Il Duca". Musiche di un Bruno Nicolai davvero in grande forma ispirativa. In pratica è un western davvero godibile in alcune scene, in altre vi si trova una leggera vena comica, poco riuscita e molto fuori luogo. Western che quell'anno (1971) spopolò ai botteghini, si pensi che a Roma si arrivò a dover prenotare i biglietti per la visione di questo film addirittura due settimane prima.

 

LINK FILM COMPLETO:

NON DISPONIBILE

 


 

Un sito ideato e creato da AL P.Mangini.
Le immagini (foto, locandine, ecc) presenti in questo sito appartengono ai legittimi proprietari (case di produzione, registi, autori ecc) che ne detengono i diritti di copyright
i testi e i loghi uniti al progetto grafico sono esclusivo di www.spaghettiwesterndatabase.net -
Gli articoli sono di SPAGHETTI WESTERN DATABASE STAFF.

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196
Il sito non utilizza cookie di profilazione ma solo cookie tecnici ai fini del corretto funzionamento delle pagine di questo sito.
Se accedi a un qualunque elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Vuoi saperne di più.
comments powered by Disqus