10 BIANCHI UCCISI DA UN PICCOLO INDIANO

Anno: 1974
Aka:
Venganza Apache (Spain) | Blood River (U.S.A.) | Cowboys und ein Indianerjunge (Germany)
Regia:
Gianfranco Baldanello
Cast:
Fabio Testi, Josè Martinez, Rosalba Neri, John Ireland.
Durata: 82 min. eston.
Musiche: Piero Umiliani


La guerra tra i bianchi e gli indiani, per impadronirsi delle terre e della legna dei boschi, si conclude con il massacro degli indiani, sorpresi da 10 bianchi vengono trucidati tutti tranne uno. Un bambino di nome Condor che divenuto grande cercherà i 10 uomini per consumare la sua vendetta. I 10 uomini ormai ognuno con le loro vite serene si troveranno a pagare un debito di morte col passato che spazzerà via la loro serenità e le loro vite.



Da una sceneggiatura di Mario Damiani, Gianfranco Baldanello dirige questo interessante western, purtroppo la troppa caratterizzazione di ogni personaggio rende la trama dispersiva e a tratti confusa, Fabio Testi bravo ma in in ruolo marginale e poco incisivo, Baldanello poteva fare molto di meglio, film interessante ma mediocramente girato. Una nota da questa pellicola venne tratta anche una storia su un fumetto della collana Bonelli, quello di "Zagor" dal titolo "Le cinque piume" disegnati da G.Ferri, albi n° 280, 281, 282 rispettivamente dell'Agosto, Settembre e Ottobre 1984.

LINK FILM COMPLETO:

DISPONIBILE
AUDIO ITALIANO


 

Un sito ideato e creato da AL P.Mangini.
Le immagini (foto, locandine, ecc) presenti in questo sito appartengono ai legittimi proprietari (case di produzione, registi, autori ecc) che ne detengono i diritti di copyright
i testi e i loghi uniti al progetto grafico sono esclusivo di www.spaghettiwesterndatabase.net -
Gli articoli sono di SPAGHETTI WESTERN DATABASE STAFF.

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196
Il sito non utilizza cookie di profilazione ma solo cookie tecnici ai fini del corretto funzionamento delle pagine di questo sito.
Se accedi a un qualunque elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Vuoi saperne di più.
comments powered by Disqus